Nina Zilli e Gino Paoli al “Narni Black Festival” (27-31 agosto)

Earth, Wind & Fire, Nina Zilli e Gino Paoli. I primi nomi, quelli che fanno rumore e scaldano anima e cuore. Facciamo anche la rima in onore del “Narni Black Festival”, la rassegna che dal 27 al 31 agosto colorerà di note il palcoscenico umbro.

GUARDA LE FOTO DI NINA ZILLI

L’edizione 2013 del Narni Black Festival (Teatro Comunale di Narni) sarà aperta dallo spettacolo-concerto “Due come noi che… amano la musica“, con Gino Paoli e Danilo Rea. Jazz allo stato puro, suoni che si mescolano sulla scia del pop elegante del cantante di Gorizia. Un vero progetto che proprio quest’anno avrebbe dovuto deliziare la platea del Festival di Sanremo: poi non se ne fece nulla. Improvvisazione ed eleganza, la voce calda e ancora fortemente viva di Paoli, la magia di Rea, dita sicure e sempre capaci di creazioni originali.

Nina Zilli: soul delle origini e non solo

Si parte col botto, si prosegue senza sosta, il giorno seguente (28 agosto, Auditorium San Domenico di Narni) con Dado Moroni (pianoforte) e Max Ionata (sax) per l’omaggio al grande Duke Ellington. Identica location la sera del 29 per il concerto del quartetto del contrabbassista Enzo Pietropaoli, con la presentazione del nuovo cd “Yatra vol. 2”, mentre il venerdì incontra l’armonico duo Nina Zilli – Fabrizio Bosso, nella splendida cornice di Piazza dei Priori. “We love you Jazz’n soul”, tributo alla musica soul di tutte le epoche, partendo da Nina Simone e arrivando a Amy Winehouse. In mezzo Sam Cooke, Otis Redding, Etta James: tromba e voce, lucidando gli “oggetti” preziosi della tradizione R’n’B, soul, Motown.

Il gran finale

Sabato 31 agosto i botti di fine mese. E’ proprio il caso di chiamarli così, perché – ancora in Piazza dei Priori – il popolo di Narni potrà godere della bellezza storica firmata “Earth, Wind & Fire Experience featuring Al McKay Allstars“. Pesante eredità della formazione souldance guidata dal chitarrista Al McKay. Un concerto perfetto per salutare la stagione estiva, sulle note di classici (rivisitati) come “September” e “Boogie Wonderland”.

(foto by kikapress.com)

Commenti