Max Pezzali, la storia del suo amore smentisce “La regola dell’amico”

Con sua moglie Debora Pelamatti l'amore è nato dopo anni di amicizia

Tra i personaggi più iconici del mondo della musica, se pensiamo agli anni ’90, non possiamo evitare di nominare Max Pezzali. In effetti la musica dei suoi 883 ha accompagnato il nostro paese nell’arco di tutto il decennio, regalandoci pezzi memorabili che ancora oggi cantiamo a squarciagola. Tra questi rimarranno per sempre indelebili Hanno ucciso l’Uomo Ragno, Gli Anni, Nessun Rimpianto e La regola dell’amico. Proprio quest’ultima canzone, nei suoi versi, racconta una legge non scritta della vita quotidiana di un uomo: “Se sei amico di una donna non ci combinerai mai niente mai!”.

Si tratta di una sorta di cronaca lucida di come un rapporto di amicizia tra uomo e donna difficilmente possa sfociare in una storia d’amore. Non tutti sanno però che tale stereotipo è stato smentito proprio dalla persona che l’ha cantato, ovvero Max Pezzali. In una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera, la voce degli 883 ha raccontato moltissimi aneddoti della sua vita privata.

Qualche volta si sbaglia

Rispetto alle parole del ritornello de La regola dell’amico, Max Pezzali ha detto: “Diciamo che azzecca al 97%. E comunque con l’avanzare dell’età questa regola tende a funzionare sempre meno. Con mia moglie (Debora Pelamatti) l’amore è venuto dopo una lunghissima amicizia. Un giorno ci siamo detti: ‘bene, da adesso si cambia’”. Strano a dirsi, ma il destino ha riservato a Max Pezzali uno scherzo molto particolare, offrendogli la possibilità di smentire le parole che lui stesso ha scritto.

Tra le righe dell’intervista Max Pezzali ha raccontato anche aneddoti appartenenti alla sua infanzia, quando sua madre voleva indirizzarlo verso un futuro da fattorino. Poi il successo con gli 883 e le mille soddisfazioni tolte tra cui la nascita di suo figlio Hilo. Insomma, un dipinto a tutto tondo di uno dei personaggi che, ancora oggi, è tra i più amati della musica italiana.

 

LEGGI ANCHE: Max Pezzali, quanta nostalgia in “Max 90”: nuovo libro fuori il 30 marzo

 

Exit mobile version