EventiPrimo Piano

Tanti auguri Lucio Dalla: cinque volte a Sanremo in 50 anni di carriera

Lucio dalla oggi avrebbe compiuto 78 anni. Parliamo di uno dei cantautori italiani di maggior successo e, oggettivamente, di una delle migliori penne di tutto il panorama artistico nostrano. La scoperta della potenzialità da paroliere è avvenuta solo in una seconda fase della carriera del genio bolognese: in precedenza egli si limitava esclusivamente alla scrittura della musica delle sue canzoni. Polistrumentista di alto livello e capace di suonare pianoforte, clarinetto e sassofono, Lucio Dalla è scomparso ormai 9 anni fa in una stanza d’albergo a Montreux, in Svizzera.

Come per la maggior parte degli artisti italiani di successo, anche per Lucio Dalla il Festival di Sanremo costituì una tappa fondamentale della carriera artistica. Durante la sua cinquantennale esperienza nella musica partecipò 5 volte alla kermesse che si tiene ogni anno in territorio ligure. In occasione del suo compleanno, vogliamo raccontarvi un aneddoto particolare riguardante la terza di queste partecipazioni, quella del 1971. In quel caso Lucio Dalla presentò uno dei suoi pezzi di maggior successo, ovvero 4/3/1943. In pochi sanno che in realtà il titolo della canzone era un altro

Buon compleanno, Lucio!

In effetti, leggendo il testo della canzone possiamo renderci conto di come la data di nascita di Lucio Dalla non sia mai nominata. Questo perché in realtà la direzione artistica dell’edizione 1971 di Sanremo respinse il titolo originale della canzone, ovvero “Gesù Bambino”. Al contrario del caso precedente, questo veniva menzionato tra le righe scritte dal cantautore: “E ancora adesso che gioco a carte, e bevo vino, per la gente del porto mi chiamo Gesù Bambino”.

La censura non impedì però al pezzo di divenire una delle canzoni più belle ed iconiche della carriera di Lucio Dalla. Il terzo posto alla kermesse di ormai 40 anni fa non rese totale giustizia ad uno dei capolavori della carriera del cantautore bolognese. Ma, come sappiamo, ciò che conta è il successo discografico e non il piazzamento nella classifica di Sanremo. In quel caso vinsero Nada e Nicola Di Bari con Il cuore è uno zingaro, ma il vincitore morale fu senz’altro Lucio Dalla.

 

LEGGI ANCHE: Lucio Dalla, il biopic si farà: tracce audio e video inediti

Back to top button
Privacy