PersonaggiPrimo Piano

Lana Del Rey, la confessione: “Quando morì Amy Winehouse pensai di lasciare la musica”

Lana Del Rey ha confessato di aver sofferto moltissimo nel momento in cui ha appreso la notizia della scomparsa di Amy Winehouse nel 2011. In effetti con il passare degli anni tutti quanti noi stiamo scoprendo quella che è la terribile sensazione che si prova quando un nostro idolo viene a mancare. Nonostante al tempo Lana Del Rey stesse approcciando con il mondo del professionismo musicale, conservava lo spirito da fan che ognuno di noi coltiva nel tempo. C’è da osservare come inoltre un personaggio come Amy possa aver realmente ispirato la giovane Lizzy Grant, poi divenuta Lana del Rey.

Proprio in concomitanza della morte di Amy, la cantante americana era in procinto di pubblicare il suo primo singolo ufficiale. L’accavallarsi degli eventi è stato impressionante: proprio il giorno della terribile notizia Lana attendeva un feedback importante relativo alla traccia pubblicata poi come Video GamesRecentemente, intervistata da Mojo, ha dichiarato: “Ho vissuto 10 secondi di totale euforia, e poi…la notizia ovunque, su tutti i televisori, era chiara. Amy era morta ed io ero sconvolta. Cominciai ad urlare ‘ NO! NO! NO!’ “.

La delusione della giovane Lana Del Rey

Durante la medesima intervista ha inoltre dichiarato: “Tutti stavano guardando il televisore come se fossero ipnotizzati, ma personalmente mi sentivo davvero male. Proprio come se dentro di me avessi deciso di non voler più cantare

Nel frattempo sono passati dieci anni e Lana Del Rey ha pubblicato la bellezza di 6 album in studio vendendo diversi milioni di copie in tutto il mondo. Per molte artiste emergenti oggi lei ha acquisito esattamente il ruolo che Amy ebbe per la giovane Lizzy Grant. Un’icona di stile, capace di essere idolo indiscusso delle nuova generazioni, oltre che una voce sensazionale e piena di enfasi.

 

LEGGI ANCHE: I Radiohead hanno fatto causa a Lana del Rey: ha plagiato “Creep”?

 

Back to top button
Privacy