Emmy 2020, il trionfo di Ludwig Göransson: il compositore svedese vince con The Mandalorian

Tra un annuncio e l’altro, gli Emmy 2020 hanno dunque assegnato formalmente i riconoscimenti dell’industria televisiva americana, nel clima surreale che le diverse manifestazioni dello star system USA sono costrette ad affrontare in questo periodo. Come già gli MTV VMA, anche i premi della tv devono fare i conti con una cerimonia a metà, a budget e presenze ristrette, pensata sopratutto per un pubblico collegato a distanza e costretto in quarantena. I premi sono finiti equamente distribuiti tra emittenti e produzioni varie, con la consueta attenzione a non scontentare nessuno; dal successo di Watchmen alla consacrazione di Rick & Morty, fino agli svariati premi tecnici per Hollywood, Euphoria, e ovviamente The Mandalorian.

Ennesimo successo per lo svedese Ludwig Göransson, che a due anni dall’Oscar vince l’Emmy 2020 alla Colonna Sonora per il suo lavoro in The Mandalorian

Proprio il successo Disney+ non poteva mancare tra le premiazioni degli Emmy 2020, in questo caso con il trionfo, l’ennesimo, di una piccola superstar delle musiche cinematografiche; Ludwig Göransson. Il compositore svedese è ormai un nome di punta nella Hollywood ad alto budget, con casa nel mondo Disney-Marvel e diverse collaborazioni importanti nonostante gli appena 36 anni di età e il passaporto straniero. Il suo lavoro sull’episodio finale della prima stagione, “Redempion”, gli è dunque valso il premio per l’Outstanding Music Composition For A Series; dunque, il riconoscimento alla colonna sonora, l’ennesimo in un palmarès personale già ricco di trionfi.

Il successo agli Emmy 2020 arriva infatti per Göransson a compimento di un percorso ormai in totale ascesa da almeno un biennio. Il lavoro in televisione è in questo momento il nuovo terreno professionale dello svedese, reduce da una sequenza impressionante di temi per il cinema; dalla collaborazione quasi decennale con Ryan Coogler per Creed, al successo del superhero movie con Venom e sopratutto Black Panther. Proprio il film del 2018 gli valse, ad appena 33 anni, il Premio Oscar alla Colonna Sonora; un autentico trionfo, capace di aprirgli le porte della Disney e del nuovo ingaggio televisivo sulla serie ispirata all’universo di Star Wars. The Mandalorian ha concluso la sua prima stagione via streaming con numeri esaltanti, e la consacrazione critica è ora arrivata tramite due premi nella serata più importante; uno per gli stunt, e uno per le musiche, a ingombrare ulteriormente il già carico palmarès personale del loro autore.

Commenti