Sanremo 2021 a rischio, si pensa a un nuovo posticipo: “Stiamo ancora cercando la data migliore”

La situazione legata a Sanremo 2021 è ormai in continua evoluzione, con al centro quello che pare un piccolo braccio di ferro mediatico tra artisti, presentatori e dirigenze Rai. In particolare, Amadeus e Fiorello non hanno perso occasione per ribadire la propria visione del Festival come evento legato all’esibizione dal vivo; dunque, entrambi i conduttori riterrebbero improponibile l’idea di una kermesse senza pubblico, a porte chiuse. “Non avrebbe senso farlo“, ha ribadito prima il Direttore Artistico, poi il co-conduttore. Posizione che ha visto la risposta pronta di Viale Mazzini, per la quale la manifestazione è un evento semplicemente intoccabile. Stefano Coletta prima, l’ad Fabrizio Salini poi hanno ribadito l’impossibilità di apportare modifiche al programma. Di cui al limite si può tornare a discutere la data.

Viale Mazzini reagisce alle parole di Amadeus e Fiorello, e chiarisce il futuro del Festival: “Sanremo 2021 si farà, ma stiamo ancora provando a decidere”

Se Sanremo 2021, come sembra, dovrà andare in scena nel suo formato classico, con orchestra e pubblico presenti all’Ariston, allora diventa probabile tenere in considerazione la possibilità di un nuovo posticipo per le date di partenza. Al momento, la kermesse dovrebbe svolgersi tra il 2 e il 6 di marzo; ma se le condizioni sanitarie non lo permettessero, la discussione potrebbe riaprirsi ancora. “Stiamo ancora cercando di capire quale possa essere la data migliore“, ha spiegato Salini in merito, lasciando intendere come non ci sia ancora nulla di deciso. “Ma Sanremo non si può non fare, è un appuntamento imprescindibile per la Rai“.

Che sia marzo o aprile, con pubblico o senza, Sanremo 2021 andrà in scena. Su questo non sembrano esserci dubbi, a chiudere il discorso avanzato da Amadeus. “Veniamo dal festival dei record, dell’amicizia e della parità di genere”, ha concluso l’ad Rai sul futuro della kermesse. “Nel 2021 proveremo a ribadire un’edizione altrettanto ricca e intensa“.

LEGGI ANCHE Sanremo dice addio all’Ariston? Nasce il Palafestival

Commenti