Ezio Bosso, concerto speciale per celebrare il direttore d’orchestra scomparso: come seguirlo

Sarà questo il primo 13 settembre da quarantanove anni a questa parte senza Ezio Bosso. Il compositore e direttore d’orchestra, nato a Torino nel 1971, è scomparso lo scorso 15 maggio, al termine di una battaglia lunga nove anni contro una malattia neurodegenerativa con cui conviveva dal 2011. Ora, il compleanno del musicista vedrà un ideale ritorno alla musica, con la riproposizione di due arie da lui composte in un concerto speciale; annunciato direttamente dalla sua famiglia, l’evento si chiamerà PlayforEzio, e vedrà la partecipazione di Rai, Mibact e Comune di Torino, in un’iniziativa partita dalla Regione Piemonte in memoria dell’artista scomparso.

Il compleanno di Ezio Bosso riporterà in scena il direttore d’orchestra con due composizioni: appuntamento all’Auditorium Rai di Torino

Il concerto speciale in memoria di Ezio Bosso andrà in scena il prossimo 13 settembre, all’Auditorium Rai di Torino. Riunendo diverse sigle del territorio, sarà l’ideale saluto della città piemontese ad uno dei suoi più celebri concittadini, nome e star tra le più amate nel palcoscenico internazionale della musica classica e sinfonica. Lo spettacolo metterà in scena le composizioni “Waves and Hopes”, “Festa” (a firma dello stesso Bosso), e a chiudere la “Metamorphosen” di Richard Strauss; lo stesso programma che il compositore avrebbe dovuto dirigere accompagnato dalla Europe Philarmonic Orchestra, e che sarà invece portato in scena di fronte ad uno sgabello simbolicamente vuoto, a rappresentare l’assenza del direttore d’orchestra.

La partecipazione a PlayforEzio sarà rigorosamente gratuita, aperta a tutti gli appassionati e curiosi riguardo l’opera di Ezio Bosso. Data la natura al chiuso dell’evento, gli ingressi saranno contingentati, con un limite massimo di 199 partecipanti; obbligatoria in questo caso la prenotazione online, per assicurare la propria partecipazione e riservare il posto. Il concerto integrale sarà trasmesso inoltre in diretta Facebook; probabile che i diritti vedranno un coinvolgimento della Rai, tra le sigle promotrici del progetto e proprietaria dell’auditorium.

LEGGI ANCHE Ezio Bosso, il “miracolo” italiano [VIDEO]

Commenti