Baustelle, Francesco Bianconi lascia la band? Arriva l’esordio solista con “Forever”

Ha ufficialmente una data di uscita Forever, primo album solista di Francesco Bianconi e probabile segnale di stop importante per i Baustelle. La storica band indie-rock italiana, quasi due decenni di attività e successi di pubblico e critica, sembra a questo punto essere finita per la prima volta da parte; alla base della decisione, la comprensibile voglia di una svolta solista per Bianconi, ora intenzionato a portare avanti un percorso differente rispetto a quanto fatto con la band. Il dittico L’Amore e la Violenza risale ormai a quasi tre anni fa; nonostante il successo, potrebbe rimanere a lungo l’ultimo lavoro del gruppo.

Dopo decenni di attività con i Baustelle, Francesco Bianconi si lancia nella prima avventura solista: Forever è il primo disco del cantante per la BMG

Messi in pausa i Baustelle, Bianconi ha avuto modo di concentrarsi su Forever. L’album uscirà per BMG il prossimo 12 ottobre, e proporrà un suono completamente diverso. “Dopo i lavori pop e massimalisti con il gruppo avevo voglia di qualcosa di minimale, di puro“, ha commentato il cantante e autore a proposito della scelta. “Ho riascoltato Nico, e tutta quella musica caratterizzata da pochi elementi. A volte due soltanto, voce e accompagnamento. A cinquant’anni mi metto per la prima volta in gioco da solo, e mi è piaciuto fare un disco così, concentrandomi più sulla purezza della canzone che sulle sovrastrutture del momento“.

Capitolo a parte lo meritano gli ospiti: per il suo esordio post-Baustelle Francesco Bianconi ha fatto le cose in grande, e attorno al cantatutore si concentreranno nomi di rilievo internazionale. Già anticipati dai produttori, saranno a bordo gente come Rufus Wainwright, Eleanor Friedberger, Kazu Makino e Hindi Zahra. Musicalmente, spazio al quartetto d’archi Quartetto Balanescu ensemble, e al semplice pianoforte. Il Bene e l’Abisso sono già fuori, altri singoli seguiranno alla pubblicazione.

LEGGI ANCHE Baustelle, in arrivo una serie di spettacoli nelle università

Commenti