Keith Flint, il cordoglio del mondo musicale. La band: “E’ suicidio”

Sono passate ormai circa 48 ore dalla morte di Keith Flint, e come immaginabile il mondo della  musica non sembra essersi ancora ripreso. Il cordoglio che ha travolto i volti più disparati della scena (ben oltre il recinto della techno) è ben motivato: la figura del volto-simbolo dei Prodigy è stata tra le più iconiche degli ultimi decenni, simbolo di potenza e vitalità giovanile come pochi. La prematura scomparsa ad appena 49 anni ha colpito nel profondo un po’ tutti, a cominciare ovviamente dai colleghi più vicini. Nelle ore successive al rinvenimento del cadavere, i messaggi di affetto sono arrivati da ogni parte. “Era sempre fantastico averlo vicino, ed è  sempre stato gentile con noi quando cominciammo a suonare insieme“, ricorda Ed Simons dei Chemical Brothers. “Non saremmo qui se non fosse stato per la sua musica“, commentano i Chase & Status, a cui fa eco Ian Brown, che lo definisce “uno splendido essere umano“.

Innovatore, pioniere, leggenda: il mondo della musica reagisce alla morte di Keith Flint

I messaggi diretti a Keith Flint e alla sua famiglia arrivano però anche da oltre il mondo dell’elettronica. Tra i tanti, i Kasabian hanno twittato: “Uomo splendido e pioniere incredibile. Fare insieme Empire (disco a cui collaborarono) è stato un periodo speciale“. Un messaggio commovente  arriva anche da James Blunt, musicista apparentemente lontanissimo dalla realtà dei Prodigy: “In un periodo in cui tutti, da  Liam  Gallagher a Damon Albarn rifiutavano di venire associati a me, Keith Flint mi disse di  essere felice per il mio successo. Non esiste un  Grammy per la signorilità, ma se ci fosse sarebbe suo“.

Nel frattempo, i compagni dei Prodigy riferiscono  qualche notizia in più riguardo la  scomparsa di Keith Flint. Secondo quanto riferito da Liam Howlett, il vocalist si sarebbe tolto la vita: “Non riesco a credere di stare dicendo questo, ma la notizia è vera. Siamo scioccati, arrabbiati e disperati. Era nostro fratello, oltre che un pioniere innovativo e una leggenda. Ci mancherà”. I propositi di  suicidio  di Flint sembrano essere confermati da alcune dichiarazioni risalenti al 2015. L’autopsia confermerà le cause nelle prossime ore.

Commenti

Loading...