Claudio Baglioni risponde alle polemiche per il televoto: “Abolire la giuria”

La polemica (una delle tante) per la quale verrà ricordato questo Sanremo 2019, sarà probabilmente quella che ha visto il programma di Claudio Baglioni scontrarsi con le votazioni del pubblico. Nel finale del Festival, come noto, il cantante Mahmood ha vinto il primo premio esclusivamente grazie ai voti della stampa, contro le preferenze del pubblico che avrebbero dato Ultimo vincitore. Un problema organizzativo, che ha visto scontrarsi il peso conferito al voto da casa con quello assegnato a giuria e sala stampa. Ne ha parlato lo stesso Claudio Baglioni, nel corso della  conferenza di fine Festival tenuta oggi, discutendo proprio il ruolo della stampa nelle votazioni e le possibili modifiche per i prossimi anni.

“Mescolare giuria e televoto non è possibile”: Claudio Baglioni risponde alle critiche per la vittoria di Mahmood

La mescolanza di giudizi è discutibile“, ha ammesso Claudio Baglioni a proposito della contrapposizione tra sistemi di voto. “Bisogna scegliere una posizione, altrimenti le opinioni saranno discordanti. Se Sanremo vuole essere un  Festival popolare, l’unico voto che dovrebbe contare sarebbe quello del pubblico. D’altronde il concetto di giuria è una cosa più televisiva, che da peso ai volti famosi“. Una rivoluzione, quella del televoto, tutt’altro che semplice però. Come conferma Claudio Baglioni, andare a toccare certe disposizioni si rischia di fare dispetto a qualcuno. “Certi passaggi acquisiti sono un po’ difficili da rimuovere“, ha spiegato. “Togliendo peso alla sala stampa si andrebbe a creare un clima ostile. E non voglio che questo succeda“.

Claudio Baglioni ha inoltre approfittato per ribadire la propria disponibilità ad organizzare la sua terza versione del Festival di Sanremo. Un proposito che lo aiuterebbe a portare avanti diverse modifiche: “Ci sarebbe ancora lavoro da fare oltre a quello già fatto. Bisognerebbe diminuire il numero di cantanti, ma così si andrebbe contro allo share che vuole che la trasmissione duri il più possibile. Dovremmo lavorare con più calma e maturità“.

Claudio Baglioni confermato per Sanremo 2020?

Se ne sono dette di ogni sul conto di Claudio Baglioni nell’ultimo mese. Dopo la controversa a dire poco conferenza stampa di inizio Sanremo, tutti gli indizi sembravano portare ad un suicidio lavorativo da parte del Direttore Artistico: allora Claudio Baglioni aveva attaccato frontalmente Matteo Salvini e in generale la linea di governo gialloverde sul tema migratorio, proprio nei giorni  di riorganizzazione dei piani alti negli uffici Rai. La polemica politica nei confronti della rete pubblica proprio quando già diverse teste iniziavano a cadere (ultima quella di Fabio Fazio) aveva fatto pensare ad un inevitabile allontanamento di Claudio Baglioni dal prossimo Festival. Allontanamento che, a quanto pare, non ci sarà.

Pace fatta tra Rai e Claudio Baglioni: il Direttore Artistico potrebbe venire confermato

Secondo quanto riportato da Chi, la Rai si sarebbe prontamente mossa per sedare gli animi di Claudio Baglioni, arrivando a trovare una tregua negli scorsi giorni. Come noto, una misteriosa telefonata tra il cantante e Matteo Salvini (telefonata mai confermata ma raccontata da più parti) aveva già contribuito a riconciliare le due parti in nome dell’apoliticità del Festival. Il gesto della mano tesa è piaciuto alla neo-direttrice Teresa De Santis, che alla luce degli ultimi sviluppi avrebbe lavorato per ricucire i rapporti conClaudio Baglioni. Addirittura, si starebbe parlando in queste ore di un probabile rinnovo di contratto per il ruolo di Direttore Artistico: in quel caso, il cantante sarebbe confermato anche per Sanremo 2020.

 
 

Commenti