Capo Plaza in tour europeo, a Milano l’unica tappa italiana

L’anno del debutto e insieme della consacrazione per Capo Plaza, che con l’album 20 ha subito raggiunto le vette di  classifica del panorama pop-trap italiano. Un’autentica esplosione lampo quella del ventenne campano, che in capo a pochi mesi  si è ritrovato coinvolto in una serie di progetti importanti al fianco dei nomi più importanti della scena (non ultimo Guè Pequeno, con il quale è in radio in questi giorni). Ora è il momento del salto di  qualità sul piano internazionale, e la scelta di un maxi-tour europeo colpisce un po’ tutti: c’è la volontà di portare 20 anche fuori dai confini  italiani, con una turnè primaverile che toccherà le tappe più disparate del continente.

Da Berlino a Parigi, da Amsterdam a Barcellona, l’Italia è un po’ la grande esclusa dal tour di Capo Plaza. Unica concessione al nostro Paese è la data conclusiva di Milano, con cui il 26 marzo prossimo il trapper chiuderà il lungo percorso internazionale. Nel capoluogo lombardo Capo Plaza sarà accolto all’Alcatraz, dove sicuramente sarà accompagnato da altri volti simbolo del panorama locale. Sarà un punto di arrivo celebrativo, ora che 20 si è certificato disco d’oro, e il nome di Capo Plaza è ormai tra i più caldi della musica italiana.

Queste le date del tour europeo di Capo Plaza. Le prevendite sono aperte sul sito ufficiale del cantante:

5 marzo – Berlino @ Festsaal Kreuzberg
9 marzo – Nova Gorica @ Marco Polo Club
16 marzo – Zurigo @ Escherwyss Club
18 marzo – Londra @ O2 Isligton Accademy
19 marzo – Parigi @ Boule Noir
20 marzo – Barcellona @ Razzmatazz
22 marzo – Amsterdam @ Q Factory
23 marzo – Francoforte @ Musikpark A5 Club
26 marzo – Milano @ Alcatraz 

Capo Plaza, il trionfo nella classifica di fine anno

arecchie sorprese e qualche conferma nella top ten 2018 dei dischi più venduti. A conclusione di un nuovo anno, ancora una volta il mercato italiano si afferma tradizionalista: nove artisti su dieci sono infatti locali, con un solo straniero capace di superare il gradino della decima posizione. Il resto, tutto Italia, e tutto estremamente contemporaneo, tra reality, talent, trap e Sanremo.

La classifica, come ormai noto, è frutto di un complicato algoritmo che somma, aiclassici supporti fisici dei dischi venduti (ormai praticamente vicini allo zero), una complicata cifra “equivalente” ricavata dagli ascolti in streaming su Spotify, Youtube e altre piattaforme. Ciò rende impossibile fornire una cifra esatta di “copie vedute” (che di fatto non esiste), ma a dare più che altro risalto agli artisti di maggior tendenza nell’anno.

Nella Top Ten 2018 della Musica italiana, il campione è allora Sfera Ebbasta. Il suo Rockstar è l’album di maggior successo, seguito a sorpresa da Irama e Laura PausiniSalmo in appena due mesi conquista il quarto posto, così come i Maneskin, poco sotto il rapper. Completano la Top Ten 2018 i dischi di Capo PlazaUltimoBenji e Fede, Gemitaiz, e l’unico straniero della classifica, l’inglese Ed Sheeran. Trionfo dunque per le icone più giovanili, rispetto ai classici della musica italiana (di cui solo la Pausini tiene il passo).

Commenti