Sfera Ebbasta torna a parlare della tragedia di Corinaldo

“Su di me dette tante cattiverie”, si è sfogato sui social Sfera Ebbasta. “Le mie riflessioni resteranno private. Ringrazio chi mi è stato accanto”

Le polemiche attorno a Sfera Ebbasta nel drammatico post alla tragedia di Ancona si erano concentrate in gran parte sulla presunta leggerezza con cui il cantante aveva approcciato la morte dei suoi fan. Effettivamente, la trapstar aveva deciso di rimanere in  silenzio nei giorni immediatamente successivi, lasciando campo libero ai suoi detrattori. Ora Sfera Ebbasta ha finalmente deciso di essere pronto a parlare, e ha affidato ad un lungo post su Instagram le proprie impressioni e reazioni al fattaccio che, ricordiamo, è costato la vita a cinque persone. Sfera Ebbasta, ricordiamolo, è stato anche citato in tribunale per valutarne le responsabilità.

Sono stravolto,” la reazione di Sfera Ebbasta, affidata al proprio profilo Instagram, “tutto quello che è successo non mi dà pace. Ho passato giorni di riflessione, trovare le parole giuste non è stato facile. Ho sentito ogni tipo di cattiveria su di me, ma non ho intenzione di rispondere. Si commentano da sole. Tutto quello che ho fatto e che intendo fare in merito rimarrà privato. Ci tengo comunque a ringraziare amici, famiglia e fan per essermi stati vicini in questi giorni. Il 2018 è stato un  anno di emozioni, e ora affronterò questo 2019 con più passione di prima. Ci vediamo in giro per i concerti.

Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta, le reazioni dei musicisti italiani

Non sono mancati i messaggi di dolore da più parti, al seguito della strage di Corinaldo, dove durante un concerto di Sfera Ebbasta, dove cinque ragazzi e una signora hanno perso la vita. Attraverso i propri profili social sono arrivati i segnali di solidarietà e di cordoglio da parte di tutto il mondo della musica italiana. Ecco alcuni dei messaggi.

Marco Masini, su Twitter: “Mi stringo alle famiglie delle vittime. Chiunque fosse stato al corrente dell’irregolarità dei biglietti in più è da condannare. Mai più”.
Rita Pavone, su Twitter: “L’ennesima tragedia. Dolore e cordoglio per quei ragazzi morti in una discoteca per assistere al loro beniamino”.
Briga, su Twitter: “Provo rabbia. E’ l’azzeramento della civiltà, l’esaltazione dell’idiozia. Mi sento disgustato e inutile. Siamo agli sgoccioli”.
Cesare Cremonini: “Vorrei non aver mai visto né letto niente del genere.”
Jovanotti: “Dolore immenso”.
Eros Ramazzotti: “Un live dovrebbe essere gioia e divertimento. Una tragedia del genere non deve più ripetersi. Il mio abbraccio e pensiero a quei ragazzi e alle loro famiglie. Mai più”.
Laura Pausini: “Alle famiglie il mio pensiero per una tragedia assurda”.
Benji e Fede: “Speriamo che arrestino i responsabili. La sicurezza ai concerti va presa con la massima serietà”.
Negramaro: “Piangiamo sei anima giovanissime. Morire per una festa non fa parte di nessun genere musicale. E’ una fott*ta miserabile follia”.
Marco Mengoni: “Su tutte le mie pagine rispetterò il silenzio per le vittime di Ancona”.
Emma Marrone: “Senza parole”.

Il giorno seguente la tragedia di Corinaldo, sono stati sospesi diversi eventi live in tutta Italia. Il rapper Gemitaiz ha annunciato la sospensione momentanea del proprio tour, così come ovviamente Sfera Ebbasta. Il trapper suo malgrado protagonista ha rilasciato un comunicato in cui ha annunciato l’annullamento di tutti gli impegni promozionali, invitando a riflettere sul comportamento tenuto nella tragica serata di Corinaldo.

Commenti

Loading...