Demi Lovato, cancellate le prossime date del tour in Messico e Sud America

A seguito del ricovero urgente e della riabilitazione che Demi Lovato sta eseguendo in questi giorni in una clinica specializzata, le date del tour in Messico e Sud America previste per il prossimo autunno sono state cancellate. Lo hanno scritto in una nota gli organizzatori dei concerti.

“Purtroppo siamo costretti ad annunciare l’annullamento delle restanti date del Tell Me You Love Me Tour”, sono le parole del comunicato con cui la Live Nation e la Lotus Productions hanno reso noto l’annullamento delle prossime otto date del tour di Demi Lovato, che si sarebbero dovute tenere in Messico a settembre, le prime due, e le restanti sei a novembre tra Cile, Argentina e Brasile. Decisione che è sta presa necessariamente a causa delle condizioni della cantante americana, la quale in questi giorni sta eseguendo una riabilitazione in un centro specializzato e ha bisogno di molto riposo, dopo il ricovero del 24 luglio 2018 dovuto ad una presunta overdose.

La decisione di portare Demi in un centro di riabilitazione era stata già presa dalla famiglia, la quale aveva contattato varie strutture i primi giorni successivi al ricovero di della cantante, ma ne ha parlato con lei una volta che si fosse definitivamente ripresaL’artista ha così lasciato il Cedars-Sinai Medical Center dove era state ricoverata d’urgenza e ne ha approfittato anche per ringraziare i fan che le sono stati vicino in questo momento, ma anche la famiglia, gli agenti e lo staff medico dell’ospedale.

Ecco le parole della Lovato, scritte in un post su Instagram: Sono sempre stata onesta sulla mia dipendenza e ho imparato che la malattia non è qualcosa che scompare col tempo, ma qualcosa da sconfiggere e io non ce l’ho ancora fatta. Ora ho bisogno di tempo per curarmi, concentrarmi sulla mia sobrietà e sul mio percorso verso la ripresa- L’amore che tutti voi mi avete mostrato non sarà mai dimenticato e io non aspetto altro che il giorno in cui potrò dire di essere uscita da tutto questo. Continuerò a combattere.

Photo credits Twitter

 

Commenti