Rovazzi, le ultime dichiarazioni sulla fine dell’amicizia con Fedez

In una recente intervista Fabio Rovazzi è tornato a parlare della fine dell’amicizia con Fedez, affermando che solo col tempo si potrà capire se questa potrà essere risanata. Nel frattempo il giovane artista milanese sta avendo un grande successo con l’ultimo singolo rilasciato, Faccio quello che voglio.

Fabio Rovazzi torna a parlare della fine dell’amicizia con il rapper Fedez, affermando con dispiacere che questa al momento è giunta al capolinea ma che, con il passare del tempo, nulla esclude che le cose possano tornare come prima. “Dipende dal tempo. Quando litighi o hai un’incomprensione, il tempo aiuta. Sulle scuse, sui motivi, non è che raccontandoli a un giornale migliori le cose”, ha dichiarato il giovane artista milanese durante la conferenza stampa di presentazione del suo nuovo singolo, Faccio quello che voglio. Il videoclip del brano è una sorta di cortometraggio della durata di quasi 10 minuti, che dimostra la volontà di Rovazzi di abbandonare il mondo della musica per darsi al cinema.

Il sogno di Rovazzi è quello di fare il regista e dare vita ad un film tutto suo, motivo per cui non è disposto a tornare sui suoi passi e lavorare con la Newtopia, l’etichetta discografica indipendente creata da J-Ax e Fedez durante la loro collaborazione, della quale Rovazzi era una sorta di punta di diamante. Ora Fabio ha firmato una collaborazione con un’altra major, la Virgin Records, per la quale ha pubblicato proprio Faccio quello che voglio. “Newtopia era in prevalenza discografica e io ho velleità diverse, volevo creare una mia realtà. Per me, la musica è sempre stata prima da guardare, queste le parole di Fabio in un’altra intervista a Corriere.it. 

Dunque Rovazzi lascia uno spiraglio di speranza nel risanare l’amicizia con Fedez, mentre con l’altro membro del trio, J-Ax, non ci sono mai state incomprensioni. Vedremo cosa riserverà il futuro al giovane artista, che finora con il videoclip di Faccio quello che voglio ha superato le 14 milioni di visualizzazioni.

Photo credits Facebook

 

Commenti