“Faccio quello che voglio”, il nuovo singolo di Rovazzi con Al Bano, Nek ed Emma

Da domani 13 luglio sarà in rotazione radiofonica il nuovo singolo di Fabio Rovazzi “Faccio quello che voglio”, realizzato grazie alla collaborazione di grandi artisti come Al Bano, Nek ed Emma Marrone. Nel videoclip, invece, troviamo altri importanti personaggi come Carlo Cracco, Rita Pavone, Massimo Boldi e Diletta Leotta.

L’attesa per il nuovo singolo di Fabio Rovazzi è davvero finita: domani 13 luglio esce Faccio quello che voglio. Si tratta di un nuovo episodio della storia a puntate che il cantante milanese ha iniziato con Volare, il brano uscito lo scorso anno e realizzato insieme a Gianni Morandi. Per portare a termine questo lavoro Rovazzi si è avvalso della collaborazione di artisti illustri del panorama musicale nazionale, come Al Bano, Emma Marrone e Nek. “Tra un po’ capirete perché ci sto mettendo tanto tempo ad uscire. Preparatevi alla cosa più figa della storia”, ha dichiarato Rovazzi, e in contemporanea con l’uscita del singolo in radio ci sarà anche la pubblicazione del videoclip ufficiale.

Questo consiste in un vero e proprio cortometraggio, che sarà tagliato per la versione televisiva, ma resterà integrale per YouTube. Così come per la canzone, anche il video sarà ricco di artisti famosi: ci saranno infatti Gianni Morandi, Diletta Leotta, Carlo Cracco, Rita Pavone, Fabio Volo, Eros Ramazzotti e Massimo Boldi, oltre agli artisti già citati che hanno contribuito alla realizzazione del brano musicale. Il video si apre con Rovazzi e Morandi intenti a pescare, con quest’ultimo che rivela all’altro l’esistenza di alcune boccette in un caveau in cui sono conservati i talenti e le sembianze dei personaggi italiani dello spettacolo. 

Per questo motivo Rovazzi nel corso del video cambia più volte la voce e le sembianze proprio a causa dell’utilizzo di queste boccette, fuggendo dalle forze dell’ordine che vorrebbero bloccarlo. Il messaggio che il cantante vuole lanciare con questa canzone è quello di rimanere sempre se stessi, invece di desiderare di essere qualcun’altro.

Photo credits Facebook

Commenti