La Dark Polo Gang entra nel dizionario Treccani con la parola “Bufu”

La Dark Polo Gang, collettivo romano di musica trap, entra nel dizionario Treccani con la parola ‘Bufu’. Ecco il significato e la storia della parola appena entrata nel vocabolario della lingua italiana…

La Dark Polo Gang entra nel dizionario Treccani. Sì, è tutto vero! La parola inserita nel vocabolario della lingua italiana è bufu, intercalare che il collettivo romano di musica trap ha reso popolare tra i più giovani in Italia negli ultimi mesi.

La parola, mutuata dallo slang americano (in cui viene utilizzata come acronimo per esprimere sia la frase By Us Fuck U, ossia “per quanto ci riguarda puoi andare affa…”, sia l’offesa Butt Fucker, ossia “sodomita”), ha una storia lunga ampiamente rappresentata sia nella musica – in particolare quella rap – sia nel cinema: il neologismo “Bufu” fece la sua comparsa nel 1982 in una canzone di grande successo di Frank Zappa intitolata Valley Girl, interpretato insieme alla figlia Moon Unit. La canzone, unica di Frank Zappa ad essere entrata nella Top 40 negli Stati Uniti d’America, raggiunse il numero 32 in classifica nella Billboard Hot 100.

Per il dizionario Treccani, la parola è “un insulto adoperato nei testi di canzoni rap come risposta ad attacchi verbali mossi dall’interno dello stesso ambiente musicale” e significa “”Da parte nostra vai a quel paese”, ovviamente espresso in modo più colorito. L’espressione nasce come contro-offesa ai cosiddetti haters, letteralmente coloro che odiano (una sorta di nemici), che hanno fatto nei confronti della band alcuni dissing”. Bufu – riporta ancora il dizionario Treccani – è un “insulto generico il cui significato si può collocare nello spazio semantico tra ‘ridicolo’ e ‘stron*o'”. La Treccani, su Facebook, ha risposto agli utenti rimasti sorpresi dalla sua decisione con un articolo sulla gestione di quel “sentimento linguistico” che muove i quesiti, le proteste e le reazioni di chi interpreta questi neologismi come attentati alla nostra lingua.

Photo credits: Facebook

Commenti