Concerto del Primo Maggio 2018: da Francesca Michielin a Ultimo, il cast aggiornato

Lo Stato Sociale, Ministri, Francesca Michielin, Gemitaiz, Ultimo, John De Leo, Achille Lauro, Boss Doms e Gazzelle si aggiungono al cast del Concerto del Primo Maggio a Roma che si svolgerà come sempre nella cornice di piazza San Giovanni a Roma…

Lo Stato Sociale, Ministri, Francesca Michielin, Gemitaiz, Ultimo, John De Leo, Achille Lauro, Boss Doms e Gazzelle si aggiungono al cast del Concertone del Primo Maggio a Roma (promosso da CGIL, CISL e UIL e organizzato da iCompany) che si svolgerà come ogni anno nella cornice di Piazza San Giovanni in Laterano. I loro nomi vanno ad aggiungersi a quelli già annunciati nei giorni scorsi, ossia Fatboy Slim, Carmen Consoli, Canova, Nitro, Calibro 35, Dardust Feat. Joan Thiele, Frah Quintale, Wrongonyou e Willie Peyote. E ancora Mirkoeilcane, Max Gazzè con Form – Orchestra Filarmonica Marchigiana, Cosmo, Le Vibrazioni, The Zen Cirucs, Maria Antonietta e Galeffi.

“Per la sua storia quasi leggendaria e per il ruolo simbolico che ha ricoperto e ricopre nell’immaginario musicale nazionale – ha dichiarato l’organizzatore Massimo Bonelli – credo che il Concerto del Primo Maggio debba darsi oggi l’opportunità, ed anche l’obiettivo, di portare sul palco “la musica attuale”, quella che impazza nelle cuffiette dei ragazzi, nei live club, in rete, e che a breve probabilmente sarà in alta rotazione nelle radio o ai primi posti delle classifiche di vendita. Ci è già successo di ospitare artisti come TheGiornalisti (ed.2016), Levante (ed.2015 e 2017), Coez (ed.2016), Lo Stato Sociale (ed.2015 e 2017), Motta (ed.2017), giusto per citarne alcuni, e di farli esibire in diretta Rai 3 poco prima che il grande pubblico si accorgesse di loro. Ecco, vorremmo che questa attitudine di leggere in leggero anticipo e dare visibilità a ‘ciò che sta per succedere‘ fosse un po’ la cifra stilistica del Concerto del Primo Maggio del futuro, di un evento che proverà ogni anno a scattare una fotografia attendibile di quello che di buono sta suonando nelle orecchie del paese reale”.

I nomi dei 12 artisti che accedono alla fase live finale invece del concorso 1M NEXT che si svolgerà a Roma nei giorni 19, 20 e 22 aprile 2018 presso il Felt Music Club, in via degli Ausoni, 84 (evento organizzato in collaborazione con Gianni Testa), sono: ALTERIA (Milano), AM-OK (Roma), BLACK SNAKE MOAN (Tarquinia, VT), EFFENBERG (Lucca), ERIO (Livorno), GIUVAZZA (Torino), LA GABBIA (Bologna), LA MUNICIPÀL (Lecce), LEVACANZE (Benevento), ROBERTA GIALLO (Bologna), TYMBRO (Roma), ZUIN (Milano).

Altra novità già annunciata del Concertone 2018 sarà la presenza di alcuni dei principali live Festival ItalianiRock in Roma, Home Festival, Collisioni Festival, Indiegeno, Roma Summer Fest, Flowers Festival, Sponz Fest, Villa Ada Incontra il Mondo, Locus Festival, Vulci, Reset Festival, Carpino Folk Festival, Barezzi Live, Metarock, Revolution Camp, Musicastrada Festival, Meeting del Mare,  Festival Delle Invasioni, Terra Battente, Mengo Music Fest, Disorder.

Massimo Bonelli (progetto e organizzazione generale); Lucia Stacchiotti (produzione esecutiva); Massimo Ferranti (direttore di produzione); Francesca Guida (responsabile marketing); Erica Gasaro (comunicazione); Chiara Concilio (accoglienza); Nicola Bonelli (segreteria di produzione); Paola D’Angelo (coordinamento artistico); Francesco Galassi (redazione & contenuti); Andrea Lancia (amministrazione); Massimo Martelli, Giorgio Cappozzo, Paolo Biamonte (team Autori); Flavio Severini(consulenza artistica); Tony Soddu, Alessio Martino (stage manager); Roberto Malfatto (scenografia); Vincenzo Marzullo (info-grafiche Tv); Lara Maroni Dario Cantelmo (assistenti di produzione). A curare la promozione nazionale ci sarà ancora una volta Parole e Dintorni, mentre sul fronte social è confermata la presenza del team di lavoro piano. L’allestimento generale sarà realizzato da ABC.  La regia Tv sarà affidata anche quest’anno a Cristiano D’Alisera, mentre la produzione esecutiva RAI sarà come di consueto di Emanuela Andreani.

Photo Credits Ufficio Stampa

Commenti