Classifica della settimana: gli album più venduti

Quali sono gli album più venduti in questa settimana? Secondo i dati ufficiali FIMI dal 20 ottobre al 26 ottobre 2017, nella Top 10 dei dischi più venduti ci sono quattro new entry, di cui due direttamente sul podio. Di chi stiamo parlando?

 

1. La prima new entry della settimana la troviamo direttamente al primo posto in classifica: è l’album Mania di Riki, il vincitore della categoria canto dell’ultima edizione di Amici di Maria De Filippi.

 

 

2. C’è una new entry anche sul gradino di mezzo del podio: si tratta di Flicker, l’album di debutto da solista del cantante degli One Direction Niall Horan.

 

 

3. Ancora sul podio Coez: il suo disco Faccio un casino, da venticinque settimane in classifica, ‘vince’ la medaglia di bronzo.

 

 

4. La terza new entry della settimana in Classifica Fimi si trova al quarto posto e si chiama proprio 4. È l’album di debutto firmato Le Deva, quartetto composto da Laura Bono, Verdiana Zangaro, Greta Manuzi e Roberta Pompa.

 

 

5. L’album Prisoner 709 di Caparezza perde una posizione rispetto a settimana scorsa: dal quarto posto il rapper di Molfetta scivola al quinto.

 

 

6. Listen Without Prejudice 25, riedizione del leggendario Listen Without Prejudice Vol. 1 di George Michael accompagnata dalla versione rimasterizzata della memorabile performance tenuta ad MTV Unplugged nel 1996, è la quarta new entry in Classifica Fimi: troviamo Listen Without Prejudice/MTV Unplugged al sesto posto!

 

 

7. Album di Ghali, da ventidue settimane in classifica, guadagna una posizione rispetto a sette giorni fa e si stabilisce al settimo posto.

 

 

8. Dal primo all’ottavo posto: che caduta per il cantante dell’ultima edizione di Amici di Maria De Filippi Thomas, e il suo album omonimo!

 

 

9. Masters di Lucio Battisti, da un mese in classifica, mantiene la Top 10: è al nono posto questa settimana.

 

 

10. A chiudere la Top 10 Fimi di questa settimana è Gentleman, ultimo album da solista del rapper Guè Pequeno.

 

Photo credits: Facebook

Commenti