Max Pezzali, Nek e Francesco Renga insieme per “Duri da battere” e non solo

Da qualche giorno girava voce di questo inedito trio e finalmente la conferma è arrivata: Max Pezzali, Nek e Francesco Renga hanno deciso di unire le loro forze per un progetto unico. Duri da battere è il singolo che sarà contenuto nell’album di Pezzali in uscita in autunno per celebrare i suoi 25 anni di carriera…

Tre nomi della musica italiana che si uniscono per un progetto unico. Stiamo parlando di Max Pezzali che lancia il nuovo singolo dal titolo Duri da battere con due ospiti d’eccezione, ossia Francesco Renga e Nek. Il singolo arriva in tutte le radio lunedì 11 settembre alle ore 11.00, proprio in contemporanea alla conferenza stampa di presentazione a Milano. Il brano sarà contenuto nel nuovo album di Pezzali (insieme alla precedente canzone Le canzoni alla radio) in uscita in autunno per celebrare i suoi 25 anni di carriera.

Le dichiarazioni

“Mi ha sempre affascinato la forza di volontà dell’essere umano – ha dichiarato Max – che è riuscito a superare le proprie debolezze naturali e le avversità dell’habitat per poter sopravvivere, sempre e comunque. Nei grandi processi evolutivi come nelle difficoltà di tutti i giorni, nella vita di relazione come nello sport: essere ‘duri da battere’ non significa essere invincibili, ma avere il coraggio e la determinazione di buttare il cuore oltre l’ostacolo. O almeno di provarci”.

Il tour

Ci sarà anche un tour che li vedrà protagonisti: i biglietti saranno disponibili dalle ore 16.00 di mercoledì 13 settembre su TicketOne.it e dalle ore 16.00 di lunedì 18 settembre nei punti vendita e prevendite abituali.

  • 20 gennaio – Unipol Arena (Bologna)
  • 22 gennaio – Brixia Forum (Brescia)
  • 25 gennaio – RDS Stadium (Genova)
  • 29 gennaio – Adriatic Arena (Pesaro)
  • 31 gennaio – Pala Sele (Eboli)
  • 3 febbraio – Pal’Art (Acireale)
  • 12 febbraio – Pala Bam (Mantova)
  • 16 febbraio – Arena Spettacoli Padova Fiere (Padova)
  • 20 febbraio – Nelson Mandela Forum (Firenze)

Photo Credits Twitter

Commenti