Festival di Sanremo, la kermesse lascia lo storico teatro Ariston?

Aria di cambiamenti al Festival di Sanremo: nonostante sia presto per parlarne, sembra proprio che in futuro la kermesse canora di mamma Rai lascerà lo storico teatro Ariston per trasferirsi in una location più grande. Lo ha confermato lo stesso direttore di Rai 1 Andrea Fabiano in un’intervista a La Stampa dopo l’Eurovision Song Contest…

L’Eurovision Song Contest ha visto trionfare il Portogallo, con sommo dispiacere di Francesco Gabbani per l’Italia che si è classificato “solo” sesto, nonostante fosse il favorito fino al giorno stesso. Questa esperienza però è sicuramente fonte d’ispirazione per il nostro Paese, tanto che potrebbero esserci delle grandi conseguenze anche per il Festival di Sanremo.

La kermesse canora di mamma Rai potrebbe, infatti, lasciare la storica location del teatro Ariston per rimanere comunque nella città dei fiori: “L’Eurovision – ha dichiarato il direttore di Rai 1 Andrea Fabiano attraverso le pagine de La Stampa – è un grande show, anche un modello per Sanremo, che nei prossimi anni si dovrà avvicinare a questo livello di spettacolo. La città di Sanremo è d’accordo sull’idea di spostare la manifestazione in un luogo più ampio. Ci arriveremo. Magari non l’anno prossimo, ma è il futuro”.

La stessa idea di qualche tempo fa anche di Paolo Bonolis: “Chissà… magari se fosse in una sede architettonicamente diversa – ha detto a Rockol – con una planimetria differente dal cinema teatro, che permettesse un racconto musicale più contemporaneo, mi divertirei”. Il teatro Ariston ha ospitato la manifestazione dal 1977 ad oggi, fatta eccezione del 1990, anno in cui le serate sono andate in scena nel mercato dei Fiori situato nella Valle Armea, in frazione Bussana, chiamato per l’occasione Palafiori. Magari la sede scelta sarà il Palafiori, ma in corso Garibaldi, in cui da qualche anno si svolgono gli eventi collaterali e in cui si trova la sala stampa Lucio Dalla (radio/tv)?

Sanremo 2017, chi vincerà per i Big? Come votare su Velvet Mag

Photo Credits Facebook

Commenti