Rosario Canale dopo Amici 16: “Mi sentivo un po’ fuori dal coro” [ESCLUSIVA]

Velvet Mag ha contattato Rosario Canale in seguito all’esclusione dal serale della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Il cantante ha parlato della breve esperienza nella scuola di Canale 5, del rapporto con gli altri concorrenti, della vittoria come autore al Festival di Sanremo e dei suoi progetti futuri…

Un’esperienza ad Amici abbastanza breve: tornando indietro accetteresti di entrare in corsa oppure riproveresti a partecipare l’anno prossimo?
Sicuramente breve ma significativa anche se, in realtà, ho avuto più possibilità di esibirmi io in un mese piuttosto che altri allievi che erano lì da tempo. Quest’anno quando sono stato eliminato al casting avevo promesso a me stesso che solo nel caso in cui mi avessero chiamato per una sfida avrei accettato. Così è stato e sono contento di aver fatto questa scelta. Aldilà di tutto, non mi sarei comunque ripresentato l’anno prossimo per una serie di motivi che stanno un po’ sotto gli occhi di tutti. Quindi per me era un po’ l’ultimo anno anche alla luce dei successi che stavo già ottenendo parallelamente ad Amici.

Com’è andata questa esperienza nella scuola?
Esperienza molto positiva perché mi ha permesso di fare tante valutazioni con più precisione su me stesso e sugli altri. Ho capito che la mia figura necessita di altri spazi e altri contesti per emergere, ma è stato importantissimo capirlo dall’interno perché dalla TV tante cose non puoi capirle, devi viverle!

Com’è stato il tuo rapporto con gli altri allievi?
Beh, dal mio punto di vista ottimo. Dal loro punto di vista, essendo arrivato alla fine e anche con un certo background alle spalle, non ero visto di buon occhio perché chiaramente ero un contendente “scomodo” per l’accesso al serale. Io invece ho vissuto tutto molto più serenamente e da professionista (come sono abituato nella vita reale e non televisiva) senza entrare nelle polemiche per me sempre abbastanza inutili. Mi sentivo un po’ fuori dal coro perché le mie reazioni erano sempre molto pacate e non riuscivo a comportarmi con arroganza e superiorità.

Secondo te c’è qualcuno che non si è meritato l’accesso al serale?
Onestamente questa è una domanda alla quale mi è veramente difficile rispondere. Meritare un serale cosa vuole dire? Avere talento? Essere più bravi di altri? Non credo e non l’avrei creduto nemmeno se ci fossi andato io al posto loro, come ho sempre dichiarato all’interno della scuola anche quando i ragazzi mi dicevano: “Beh, tu sei già un autore quindi esperto nella scrittura”…Io ho sempre risposto che non ho mai creduto di avere nulla in più degli altri. Forse avrei meritato il serale semplicemente perché sono completo come artista a 360 gradi e quest’anno non vedo nessuno che può essere considerato un artista completo per poter lasciare un’impronta pesante nell’immediato nel mondo musicale. Auguro a chiunque ogni bene ma non so chi potrà essere il vincitore. Il livello tra i cantanti mi sembra omogeneo ma ho una preferenza per Federica (Carta, ndr) che trovo un ottima interprete.

Una grande soddisfazione con la vittoria di Lele al Festival di Sanremo 2017…
La settimana di Sanremo è stata bellissima e importante. Il lavoro svolto insieme a Lele e Rory Di Benedetto (l’altro autore del brano) ha portato grandi cose e ne siamo orgogliosi.

Prossimi progetti?
I prossimi progetti sono tanti. Sicuramente continuare a scrivere con autori della BMG che in questi anni mi è stata molto vicina e poi chissà magari questa collaborazione mi porterà anche a realizzare un album da artista appena i tempi saranno maturi e troverò la strada giusta per valorizzare al meglio le mie caratteristiche vocali e musicali.

Rosario Canale: "L'esclusione da Amici 16? Un colpo di scena per tutti" [ESCLUSIVA]

Photo Credits Facebook (Amici/Pietro Politi)

Commenti