Fabrizio Moro, “L’eternità” [VIDEO UFFICIALE]

fabrizio_moro_eternità
Fabrizio Moro, “L’eternità” [VIDEO UFFICIALE]
2 votes, 4.00 avg. rating (83% score)

Sembra fatto apposta, ma il cuore di questo pezzo recita così, testualmente: “..e stringi le mie mani fino all’infinito, che se ti guardo io non ci credo che da domani sarà tutto cambiato e non ci vedremo più…“. Fabrizio Moro torna con un singolo mozzafiato, batti-cuore, una struggente ballad di infinita potenza autoriale. Con la sua “L’eternità” conferma le doti di attento osservatore della realtà, oltre che visionario dei buoni sentimenti e delle passioni capaci di travolgere come un fiume in piena

GUARDA LE FOTO DI FABRIZIO MORO

FABRIZIO MORO IN CONCERTO – GUARDA IL VIDEO

Un pensiero contaminato dalla memoria

L’eternità. Lunga e larga come questa parola non ne esistono tante, forse nessuna. Fabrizio Moro è bravissimo a cantarla: è il secondo singolo estratto dall’album “L’inizio”. Da una settimana in rotazione radiofonica, il brano arriva a cinque mesi di distanza dal precedente “Sono come sono”, e il videoclip – in meno di due giorni – ha toccato quota 20.000 views, risultato più che positivo. Lo stesso cantautore ha scelto Facebook per presentare la sua nuova creazione, lo ha fatto così: “Ciao a tutti, Eccovi in anteprima il video ufficiale de “L’eternità”, il secondo singolo estratto da L’inizio in rotazione radiofonica dal 6 settembre.Buona visione.. e condivisione!

Fabrizio Moro conferma il suo ottimo momento di forma, perché quando sembra essersi fermato, è in realtà in un moto perpetuo, donando ai colleghi quel che di buono sa fare, scrivere, comporre, generare emozioni sul pentagramma. Carta e penna. Lo ha fatto con Noemi e la sua “Sono solo parole”, potrebbe farlo in futuro. La buttiamo lì, “L’eternità” è bella, dirompente e insieme delicata: Fabrizio è perfetto, ma immaginatela con la voce di Vasco. Questo, a confermare che prima di tutto tocca saper scrivere, poi il resto arriva. Se talento c’è. E qui ce n’è, con ampi margini di miglioramento. Dopotutto, da qui all’eternità c’è ancora tantissimo tempo.

(screenshot by YouTube)